Home Libri Recensione: Atti osceni in luogo privato di Marco Missiroli

Recensione: Atti osceni in luogo privato di Marco Missiroli

di Verdiana Quattrocchi

In Atti osceni in luogo privato Libero Marcell ci racconta, in prima persona, come abbia imparato ad amare, dall’onanismo della prima persona singolare all’amore della prima persona plurale.

Titolo: Atti osceni in luogo privato
Autrice: Marco Missiroli
Editore: Feltrinelli
Pagine:  p. 249
Voto: 3,7 / 5
Anno di pubblicazione: 2015
Acquistalo su Amazon*: copertina flessibile

Eravamo insieme, tutto il resto l’ho dimenticato

La trama

In Atti osceni in luogo privato è la storia di un crescita personale che ha come sfondo gli eleganti quartieri parigini e le strade milanesi.

È il 1975 quando Libero Marcell e la sua famiglia si trasferiscono da Milano alla capitale francese. Abitano a rue des Petits Hotels ed è davanti ad un piatto di cappelletti che, all’età di dodici anni, ha la sua seconda “crepa”. I discorsi dei genitori lo riportano inevitabilmente ad un avvenimento del giorno del trasloco. Discorsi e immagini inizieranno a far nascere in lui curiosità e desiderio verso l’amore.

Dal battesimo erotico dell’infanzia passa alle violente rivoluzioni dell’adolescenza. Marie, CamilleLunette, Anna sono quattro donne, diverse e speciali, che lo guidano dall’autoerotismo al piacere di coppia.

Non ero più vulnerabile per me stesso, ero fragile per noi. Passavo dalla prima persona singolare alla prima persona plurale. Intuii lì, in quell’abbraccio furtivo, che avrei potuto prendere le ferite di un altro essere umano e tentare di ripararle, e che io stesso avrei tentato di riparare le mie.

Ognuna con un ruolo diverso come sarà diverso il posto che ricopriranno nel suo cuore.

La mia recensione di Atti osceni in luogo privato

Come al solito è una nuova uscita che riporta l’attenzione su testi da recuperare. Fedeltà, uscito nel 2019 per Einaudi, ha spinto la mia curiosità a conoscere meglio Marco Missiroli e a recuperare Atti osceni in luogo privato che è uno dei suoi libri più conosciuti e di maggiore successo. Dopo averlo letto tutto d’un fiato dico che ho fatto bene!

La storia di Libero Marcell è una storia raccontata con estrema verità e in cui molti ragazzi possono rivedersi.

Ancora una volta, come in 4321 (per leggere la recensione clicca qui) di Paul Auster, i libri sono un veicolo d’amore e di comprensione, comprensione fra un uomo e una donna, ma anche fra padre e figlio.

I libri spostavano la mia gravità e attenuavano una legge: avevano iniziato a mettermi al mondo.

Non solo grandi classici come Lo straniero di Camus a Il deserto dei Tartari di Buzzani ma anche, date le tematiche, gli inevitabili romanzi erotici di Henry Miller.
Libero ricorda molto il protagonista di 4321, Archie Ferguson, la scrittura di Missiroli, però, non arriva alla potenza e alla coerenza di Auster ma rende comunque il libro molto scorrevole e piacevole. Avrei preferito qualcosa di più nel passaggio tra l’età della giovinezza a quella dell’età adulta. È come se l’incontro con l’amore non avesse la stessa forza della scoperta della sessualità.

Aiutami ad acquistare nuovi libri con l’Affiliazione Amazon

*Sono affiliata ad Amazon, dunque cliccando su Amazon e acquistando (entro 24h) Atti osceni in luogo privato (e/o qualsiasi altro articolo) percepirò una commissione per un massimo del 10%. Tu non avrai alcun costo aggiuntivo, ma Amazon, pagandomi in buoni spendibili sul suo stesso sito, mi darà l’opportunità di per comprare libri di cui potrò parlarti sul blog e sulla mia pagina Instagram.

Potrebbe piacerti anche...

Lascia un commento

* Usando questo form aderisci alle condizioni generali sulla privacy di questo blog. La tua privacy per noi è importante.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Utilizzando il sito accetti la nostra cookie policy, ma sei libero di eliminarli quando desideri. Accetto