Home Libri Recensione: 4321 di Paul Auster.

Recensione: 4321 di Paul Auster.

di Verdiana Quattrocchi

In 4321 Paul Aster immagina quatto possibili strade per il giovane Archie Ferguson, un romanzo che ha il sapore di un countdown di vite, tutte straordinarie tutte possibili.

Titolo: 4321
Autrice: Paul Auster
Editore: Einaudi
Pagine:  p. 944
Voto: 4,5 / 5
Anno di pubblicazione: 2017
Acquistalo su Amazon*: copertina rigida e flessibile

La sua vita sarebbe stata uguale o diversa? Senza dubbio diversa, si disse Ferguson, ma impossibile sapere in quali modi.

La trama

Il 17 marzo del 1947 Rose da alla luce il piccolo Archie Ferguson, che per diversi secondi, una volta uscito dal corpo di sua madre, è l’essere umano più giovane sulla faccia della terra. Quando un bimbo nasce la sua vita sembra già scritta, eppure basta un incidente o un evento fortuito, una decisione sbagliata o un contesto diverso per far cambiare tutto.

Paul Auster immagina che la vita di Archie, una volta adolescente, possa prendere quattro strade diverse a seguito di quattro diversi eventi che non dipendono dalla sua volontà. Da un evento diverso non possono che nascere conseguenze, a catena, diverse. Tra le costanti della vita di Archie, come l’amore per Amy e  per la madre Rose, ci sono anche tante variabili. Chi diventerà Archie? Una giovane promessa del baseball, uno scrittore o un giornalista? Lui ha tutte le carte in regola per essere tutto ciò che vuole, ma non avrà la possibilità di esserlo contemporaneamente. Si farà male, a volte poco a volte molto, amerà e amerà tanto, ma non sempre le stesse persone, leggerà gli stessi libri e ne scriverà di diversi, Archie non sarà sempre lo stesso, ma quattro versioni dello stesso potenziale.

La mia recensione di 4321

Un libro da leggere, assolutamente.

940 pagine sono una mole di tempo notevole. Il libro sarebbe potuto essere più breve? Probabilmente. In tal caso ne avrei risentito? Non potrò mai saperlo perché, in realtà, non sapremo mai quello che ci aspetterebbe nella strada alternativa e se in caso ci piacerebbe di più.

Paul Auster in 4321 tocca tantissime tematiche, che risultano delle costanti in tutte e quattro le storie, come il condizionamento ambientale, la letteratura, l’amore, l’amicizia, il destino, e la guerra. Ci sono poi temi che emergono principalmente in alcune storie e meno in altre come l’ambizione, la discriminazione e la passione.

Erano divorati dall’ambizione, che paradossalmente rimpiccioliva il loro mondo e li rendeva più inquieti di chi non era affetto da quel demone, poiché ambizione significava non essere mai soddisfatti, avere sempre fame di qualcos’altro, andare avanti a testa bassa, perché nessun successo poteva essere abbastanza grande da placare la sete di altri successi ancora più grandi.

Se con Philip Roth ho capito che la perfezione non esiste (leggi perché nella mia recensione a Pastorale Americana cliccando qui), con Paul Auster ho imparato che nessun evento rende il tuo percorso necessariamente più brutto di un altro. Tante volte una vita che inizia senza difficoltà non sarà migliore di un altra che nasce sotto una cattiva stella.

A gennaio un auto l’aveva quasi ucciso e adesso, solo due mesi dopo, un auto gli aveva ridato la vita.

e che anzi ciò che ci fa piangere, crollare e vivere momenti davvero bui potrebbe essere quello che tira fuori il meglio di te.

Impari a prepararti ad assorbire i colpi anziché cadere sotto la violenza, tenendo botta invece di fuggire.

Se alla madre Rose si deve la formazione personale, quella scolastica è tutta nelle mani di zia Mildred, la prodiga guida turistica della sua educazione letteraria. Tantissimi gli spunti di lettura e cinematografici, dal Giovane Holden di Salinger al Candido di Voltaire, da L’uomo che sapeva troppo di Hitchcock a I Sette samurai di Kurosawa. Un elenco interminabile che ha arricchito di molto la mia wishlist.

Aiutami ad acquistare nuovi libri con l’Affiliazione Amazon

*Sono affiliata ad Amazon, dunque cliccando su Amazon e acquistando (entro 24h) 4321 (e/o qualsiasi altro articolo) percepirò una commissione per un massimo del 10%. Tu non avrai alcun costo aggiuntivo, ma Amazon, pagandomi in buoni spendibili sul suo stesso sito, mi darà l’opportunità di per comprare libri di cui potrò parlarti sul blog e sulla mia pagina Instagram.

Potrebbe piacerti anche...

1 commento

Recensione: Atti osceni in luogo privato di Marco Missiroli · Bully Books 14 Marzo 2019 - 20:09

[…] una volta, come in 4321 (per leggere la recensione clicca qui) di Paul Auster, i libri sono un veicolo d’amore e di comprensione, comprensione fra un uomo […]

Reply

Lascia un commento

* Usando questo form aderisci alle condizioni generali sulla privacy di questo blog. La tua privacy per noi è importante.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Utilizzando il sito accetti la nostra cookie policy, ma sei libero di eliminarli quando desideri. Accetto