Home Libri Recensione: Matrigna di Teresa Ciabatti

Recensione: Matrigna di Teresa Ciabatti

di Verdiana Quattrocchi

Matrigna è la storia di una famiglia raccontata da Noemi, la figlia e sorellina, sbagliata, che prova a ripercorrere le vicende della scomparsa del fratellino perfetto, Andrea.

Titolo: Matrigna
Autrice: Teresa Ciabatti
Editore: Solferino
Pagine:  p. 205
Voto: 4 / 5
Anno di pubblicazione: 2018
Acquistalo su Amazon*: copertina rigida

Togli al matrimonio i figli, sottrai i figli, e vedi cosa resta.

La trama

Era inverno quando mio fratello sparì.
La mamma mi  aveva chiesto di tenerlo per mano.
Dunque è da questa mano che si è staccato.

È con questo incipit che Noemi ci introduce nel suo dramma familiare e a questo romanzo, Matrigna.  Quando era solo una bambina di nove anni, durante una festa di carnevale il fratellino di sei anni, Andrea,  scompare. Era un bambino bellissimo, speciale. Occhi azzurri e capelli d’oro che la mamma non aveva cuore di tagliare, molto lontano dall’ordinarietà che si sente addosso Noemi con suoi capelli castani, occhi marroni e un fisico sgraziato.

Nonostante provi a costruirsi una vita normale all’improvviso una telefonata la riporta alla realtà, a quella casa e quel paese dal quale si era voluta tanto allontanare.
Il tempo passa, ma nei suoi sogni Noemi ha sempre nove anni. I ricordi viaggiano lontano a prima della scomparsa. All’estate quando giocavano sotto l’albero in giardino, a quel letto matrimoniale nel quale c’era la mamma abbracciata con Andrea, e ad altri momenti che si sovrappongono nella sua mente, persone che spariscono.

Da sempre non esistevo, tranne sullo sfondo. Pezzo di bambina entrata per sbaglio nell’inquadratura.

È così che si sente Noemi, una nota a margine nella vita di una famiglia apparentemente perfetta con una madre che sente distante, talmente distante da considerare una matrigna.

La mia recensione di Matrigna

Il giornalista Antonio D’Orrico scrive su La lettura: “Come si fa a continuare a scrivere (vivere) dopo un romanzo come La più amata?”. Per fortuna io non ho letto Matrigna pensando a quel romanzo ingombrante che è valso a Teresa Ciabatti il posto fra i cinque finalisti del Premio Strega 2017. Sono curiosissima di leggere questo super romanzo precedente perché Matrigna mi è piaciuto molto.

La storia della sparizione, correlata da interrogatori e telefonate di segnalazione, è solo un espediente per parlare del rapporto genitore – figlio, in particolare di quello tra madre e figlia. Il romanzo è scritto da Noemi, anni dopo la scomparsa, quando i ricordi si affastellano e vengono probabilmente distorti. Non è chiaro quello che succeda come non lo è la responsabilità dei protagonisti.

Il ritmo e i ricordi contraddittori di Noemi conducono il lettore a terminare 200 pagine senza che se ne accorga, ma chi ama scoprire il colpevole ed avere un’idea chiara dei fatti storcerà il naso e ne rimarrà deluso. Un vero e proprio stream of consciousness (flusso di coscienza) quello che ci propone Noemi, confuso, contraddittorio, scandito da frasi brevi (in alcune parti anche troppe) tipiche delle notizie flash a cui la tv ci ha, ahimè, abituati e alle quali la Ciabatti sembra tanto ancorata.

Aiutami ad acquistare nuovi libri con l’Affiliazione Amazon

*Sono affiliata ad Amazon, dunque cliccando su Amazon e acquistando (entro 24h) Matrigna (e/o qualsiasi altro articolo) percepirò una commissione per un massimo del 10%. Tu non avrai alcun costo aggiuntivo, ma Amazon, pagandomi in buoni spendibili sul suo stesso sito, mi darà l’opportunità di per comprare libri di cui potrò parlarti sul blog e sulla mia pagina Instagram.

Potrebbe piacerti anche...

1 commento

Recensione: La più amata di Teresa Ciabatti - disonora il padre per onorarlo · Bully Books 20 Giugno 2019 - 14:58

[…] della scrittura della Ciabatti mi si era già palesata con Matrigna (puoi leggere la mia recensione qui), romanzo successivo (2018) a La più amata (2017), ma che io ho letto […]

Reply

Lascia un commento

* Usando questo form aderisci alle condizioni generali sulla privacy di questo blog. La tua privacy per noi è importante.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Utilizzando il sito accetti la nostra cookie policy, ma sei libero di eliminarli quando desideri. Accetto