Home Libri #ReadChristie2019: È un problema – Quelli che sanno, non sanno di sapere

#ReadChristie2019: È un problema – Quelli che sanno, non sanno di sapere

di Verdiana Quattrocchi

Nessun investigatore famoso in È un problema, ma solo una storia che vi terrà con gli occhi attaccati alle pagine e un finale da grande maestra del giallo.

Titolo: È un problema (Crooked House)
Autrice: Agatha Christie
Editore: Hachette
Pagine:  p. 149
Voto: 5 / 5
Anno di pubblicazione: 1949
Acquistalo su Amazon*: edizione Mondadori

Penso inoltre che si uccida più spesso chi si ama, e non chi si odia, forse perché solo chi si ama può rendere veramente insopportabile la nostra vita.

La trama

Charles Hayward è un giovane diplomatico innamorato della ventiduenne Sophia Leonides. Conosciuta in Egitto verso la fine della guerra, si innamora prima della sua brillante intelligenza, che le è valsa un posto alle dipendenze del Foreign Office, e poi la sua finissima eleganza. Si lasciano con una promessa: se dopo due anni, al ritorno di Charles dall’Inghilterra, lei l’avesse aspettato allora si sarebbero sposati. Sophia rimane fedele ai suoi sentimenti ma deve fare i conti con una realtà diversa da quella di due anni prima. Aristides Leonides, il nonno, dalla mente brillante ed un ottimo fiuto per gli affari, muore, e la polizia sospetta di un omicidio. Se Charles vuole sposare Sophia deve scoprire chi lo ha ucciso.

Charles si trova così a investigare stando a stretto contatto con la famiglia Leonides. Agatha Christie non affida ad un personaggio qualunque la narrazione. Charles, infatti, ha doti investigative nascoste. Il padre è sovrintendente a Scotland Yard e lui, proprio nella sede della polizia inglese, ha prestato servizio all’inizio della guerra. I sospetti ricadono inevitabilmente sulla bella e troppo giovane seconda moglie di Aristides, Brenda. Movente e assassino troppo prevedibili, forse. Ma se non è stata lei allora chi? La cerchia dei familiari è molto ristretta, ma chiunque di loro può aver commesso il delitto.

Noi siamo una famiglia strana…C’è in noi una specie di crudeltà, anzi, molte forme diverse di crudeltà…E la diversità di queste forme di preoccupa.

La mia recensione di È un problema

Agatha Christie avrebbe più volte affermato che È un problema era il libro che preferiva fra tutte le sue opere, e come darle torto. A mio avviso è uno dei suoi libri migliori insieme ai più conosciuti Dieci piccoli indiani e Assassinio sull’Orient Express.

Ci sono tutte le peculiarità dei suoi romanzi: una storia d’amore che bilancia l’omicidio, l’uso dei veleni come l’eserina, la vanità dell’assassino e qualche frecciatina a Sherlok Holmes che non guasta. I suoi libri non sono mai banali, anzi, sono ricchi di colpi di scena e istruttivi, capisci come sostanze di uso comune possano rivelarsi armi in mano alle persone sbagliate. La novità, che io considero il punto forte di È un problema è, invece, il dar voce anche ai bambini.

La testimonianza del bambino è sembra la più credibile.

In particolare, la sorellina di Sophia, Josephine, è uno dei personaggi meglio caratterizzati e simpatici di tutta la sua produzione letteraria.

Era tremendamente brutta, e somigliava moltissimo al nonno. Chissà, mi chiesi, se ne avrà anche la mente.

La Christie non ha paura di dire frasi scomode, di esporre alla violenza chiunque, sia come assassino che come vittima.

La prossima tappa della #ReadChristie2019  (per sapere di cosa si tratta vai sul blog Radicalging di Marco e Davide cliccando qui) continua ad aprile con uno scritto giovanile (datato entro il 1930) ed io ho scelto è L’uomo vestito di Marrone.

Aiutami ad acquistare nuovi libri con l’Affiliazione Amazon

*Sono affiliata ad Amazon, dunque cliccando su Amazon e acquistando (entro 24h) È un problema (e/o qualsiasi altro articolo) percepirò una commissione per un massimo del 10%. Tu non avrai alcun costo aggiuntivo, ma Amazon, pagandomi in buoni spendibili sul suo stesso sito, mi darà l’opportunità di per comprare libri di cui potrò parlarti sul blog e sulla mia pagina Instagram.

Potrebbe piacerti anche...

Lascia un commento

* Usando questo form aderisci alle condizioni generali sulla privacy di questo blog. La tua privacy per noi è importante.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Utilizzando il sito accetti la nostra cookie policy, ma sei libero di eliminarli quando desideri. Accetto