Home Libri #ReadChristie2019. Poirot a Styles Court

#ReadChristie2019. Poirot a Styles Court

di Verdiana Quattrocchi

Con Poirot a Styles Court Agatha Christie da inizio nel 1920 alla sua carriera di narratrice di romanzi gialli che faranno di lei la giallista più influente del XX secolo.

Titolo: Poirot a Styles Court (The Mysterious Affair at Styles)
Autrice: Agatha Christie
Editore: Hachette
Pagine: 187 p.
Voto: 4,5 / 5
Anno di pubblicazione: 1920
Acquistalo su Amazon*: edizione Mondadori

L’istinto è una cosa meravigliosa. Non può essere spiegato né dev’essere ignorato.

La trama

“Il Caso Styles” è così che viene battezzato e ricordato l’omicidio in casa Cavendish-Inglethorp,  vicenda che ha suscitato un grande interesse nel pubblico. Non è da meno l’interesse che il libro di Agatha Christie suscita nel lettore, sia per quanto riguarda la narrazione, incalzante e avvincente, che per gli indizi, così chiari e palesi da celare perfettamente l’assassino.

In Inghilterra durante la Prima Guerra Mondiale, un Capitano del British Army, Artur Hastings, viene rispedito a casa dal fronte a seguito di una ferita. Dopo un periodo di convalescenza trascorso in un tetro ospedale, incontra per caso un amico di infanzia, John Cavendish, che lo invita nella tenuta di famiglia, Styles, nell’Essex, per il restante periodo di licenza. Nella famiglia Cavendish negli ultimi anni sono cambiate molte cose. John si è sposato con Mary, il fratello minore, Lawrence, ha abbandonato la professione di medico per dedicarsi alla letteratura, e la madre Emily ha un nuovo marito di nome Alfred Inglethorp, uomo più odiato che amato. Non mancano altri ospiti fissi come la bella Cynthia Murdoch e la governante Evelyn Howard.

Ma sarà stata una fortuna incontrare il maggiore della famiglia Cavendish? A raccontarcelo è proprio il Capitano Hastings che viene scelto come voce narrante della vicenda. Molto presto i giorni di riposo lasceranno spazio a giorni concitati che ruoteranno attorno ad un omicidio in cui sarà coinvolto anche uno degli investigatori più conosciuti, nati dalla penna di Agatha Christie, l’investigatore belga Hercule Poirot.

Monsier Poirot sarà ben felice di aiutare il vecchio amico Hastings e la polizia, non solo per amore verso la professione, ma anche per riconoscenza nei confronti della signora Inglethorp per aver ospitato lui e sette suoi connazionali.

La mia recensione di Poirot a Styles Court

Da troppo tempo la collana di libri, editi Hachette, dedicata ad Agatha Christie giace a prendere polvere sulla mia libreria in attesa di essere letta. Il 2019 mi è sembrato il momento giusto. Nel mese di gennaio ho lanciato a me stessa la sfida di leggere un libro al mese. Poirot a Style Court è il volume con il quale si aprono le danze.
Seppur le vicende dei libri siano slegate tra di loro in quanto autoconclusive, credo che la scelta di leggere i libri in ordine cronologico di pubblicazione sia stata la scelta migliore. Dopo aver letto Poirot a Styles Court ne sono ancora più convinta.

In realtà non sono proprio un Agatha Christie “vergine”, ho letto i suoi romanzi più famosi e guardato molte trasposizioni cinematografie e televisive. Questo, però, non mi ha dato alcun aiuto nel capire chi fosse l’assassino.
A mia discolpa vorrei dire che noi vediamo le vicenda con gli occhi di Hastings che Howard Haycraft, in un famoso saggio di letteratura poliziesca, definisce il più stupido di tutti i moderni Watson.

I temi narrativi sia dal punto di vista sia legale che biochimico (ricordiamo la passione della scrittrice per i veleni)  sono affrontati con novizia di particolari e presenti per gran parte della narrazione. Il lettore si sente coinvolto come investigatore in prima persona, influenzato inevitabilmente dall’ispettore belga che lo tiene partecipe solo di una parte dei suoi ragionamenti.

Raramente un romanzo giallo si ha voglia di rileggerlo, chi vorrebbe rileggere un caso di omicidio di cui sa già il finale? Beh con Agatha Christie questo è possibile. Se ancora non la conosci credo sia ora di incominciare a leggere qualche suo romanzo. Comincerei proprio dai suoi romanzi gialli e Poirot a Style Court è il libro perfetto con il quale iniziare. Perché diciamo la verità, tra tutti i “suoi” investigatori (ricordiamo Miss Marple o Tommy e Tuppence) Poirot ha una marcia in più. Non importa che età tu abbia, la sua scrittura elegante e la narrazione scorrevole si adatta ad ogni fascia di età.

Read Chistie 2019: una reading challenge col morto (quasi)

A quanto pare il 2019 non è stato considerato solo da me l’anno propizio per lanciare una challenge (sfida) a tema Agatha Christie. Marco e Matteo del blog Radicalging hanno organizzato la #ReadChristie2019 challege in collaborazione con Agatha Christie Limited,  la società che si occupa di gestire la proprietà intellettuale e i diritti d’autore sulle opere di Agatha Christie.

Per il 2019, le menti allenate della ACL hanno creato una reading challenge che, distribuita su 12 mesi, stimola il lettore a scegliere (e leggere) un libro diverso per ogni mese. Ogni mese ha un tema particolare, così da esplorare le numerose sfaccettature dell’opus letterario della Christie.

Per conoscere tutti i dettagli vai sul blog di Marco e Matteo. Ho deciso di partecipare anche io a questa sfida. In alcuni mesi, come questo, i libri coincideranno con i 12 che mi sono prefissata di leggere, altre volte no e allora mi toccherà leggerne due. Per il mese di gennaio il tema è:

  1. Gennaio: una storia con protagonista Hercule Poirot.

A questo mese la challenge di era perfettamente in linea con la mia ed io ho scelto Poirot a Styles Court.

Ci vediamo a febbraio con Avversario segreto e C’è un cadavere in biblioteca.

Aiutami ad acquistare nuovi libri con l’Affiliazione Amazon

*Sono affiliata ad Amazon, dunque cliccando su Amazon e acquistando (entro 24h) Poirot a Styles Court (e/o qualsiasi altro articolo) percepirò una commissione per un massimo del 10%. Tu non avrai alcun costo aggiuntivo, ma Amazon, pagandomi in buoni spendibili sul suo stesso sito, mi darà l’opportunità di per comprare libri di cui potrò parlarti sul blog e sulla mia pagina Instagram.

Potrebbe piacerti anche...

Lascia un commento

* Usando questo form aderisci alle condizioni generali sulla privacy di questo blog. La tua privacy per noi è importante.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Utilizzando il sito accetti la nostra cookie policy, ma sei libero di eliminarli quando desideri. Accetto