Home Libri #ReadChristie2019 – Il misterioso Signor Quin

#ReadChristie2019 – Il misterioso Signor Quin

di Verdiana Quattrocchi

Il misterioso Signor Quin è una raccolta di dodici racconti hanno come protagonisti il signor Satterthwaite e il signor Harley Quin, misterioso personaggio che compare al momento opportuno.

Titolo: Il misterioso Signor Quin (The Mysterious Mr Quin)
Autrice: Agatha Christie
Editore: Hachette
Pagine:  p. 309
Voto: 3 / 5
Anno prima edizione originale: 1930
Acquistalo su Amazon*: edizione Mondadori

Harley Quin

Harley Quin insieme al pigro ed indolente Parkek Pyne sono senz’altro tra i detective meno conosciuti scaturiti dalla penna di Agatha Christie. A differenza di Poirot e Miss Marple, l’autrice gli ha dedicato pochissimo spazio e sempre in forma di racconti, non di romanzi. Harley Quinn è una specie di divinità profana che si materializza ogni qualvolta la giustizia terreste brancola nel buio e, stranamente, solo al signor Sutterthwaite e quando quest’ultimo meno se lo aspetta. Andando avanti con i racconti, però, il signor Sutterthwaite spererà sempre di più nella materializzazione dell’enigmatico Quin.

Cosa ne penso di Il misterioso Signor Quin

I dodici racconti racchiusi in questa raccolta hanno il suono di una storia già ascoltata. Il raccogliere romanzi aventi storie slegate tra di loro, ma personaggi comuni, non è una mossa a mio parere vincente. La prima storia dal titolo “è arrivato il Signor Quin”  getta le basi per una prassi comune in tutte le altre. Mentre Sutterthwaite è testimone di diversi aneddoti, un misterioso Signor Quin appare per rompere l’immobilità del personaggio e dargli parola.

Il nome stesso Sutterwaite – con quel sat (seduto) iniziale e quel wait (aspettare) finale – ben si addice al suo nome. Il suo nome, in inglese, è omofono di «sat there to wait» che si può tradurre con «si sedette lì ad aspettare». (prefazione di Alex R. Falzon)

Harley Quin appare a vicenda ormai conclusa, mette gli indizi sotto una luce diversa e induce Sutterthwaite a trarne una conclusione, conclusione che non viene quasi mai confermata lasciandoci nel dubbio. Non è il classico rapporto investigatore-spalla a cui, la Christie con Poirot – Hastings e Conan Doyle con Holmes – Watson, ci hanno abituati.
Quin agisce con frasi iniziate e non portate a termine anziché con atti concreti portati a termine. L’immagine di Quin non viene mai citato apertamente, sembra più una maschera di teatro anziché un personaggio reale, complice il travestimento dell’ultimo racconto che ha legato nell’immaginario comune la sua immagine a quella di Arlecchino.

Aiutami ad acquistare nuovi libri con l’Affiliazione Amazon

*Sono affiliata ad Amazon, dunque cliccando su Amazon e acquistando (entro 24h) Il misterioso Signor Quin (e/o qualsiasi altro articolo) percepirò una commissione per un massimo del 10%. Tu non avrai alcun costo aggiuntivo, ma Amazon, pagandomi in buoni spendibili sul suo stesso sito, mi darà l’opportunità di per comprare libri di cui potrò parlarti sul blog e sulla mia pagina Instagram.

Potrebbe piacerti anche...

Lascia un commento

* Usando questo form aderisci alle condizioni generali sulla privacy di questo blog. La tua privacy per noi è importante.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Utilizzando il sito accetti la nostra cookie policy, ma sei libero di eliminarli quando desideri. Accetto