Home Libri Mezzanotte alla libreria delle grandi idee

Mezzanotte alla libreria delle grandi idee

di Verdiana Quattrocchi

Un martello, un ragazzo in cerca di amore, un padre in attesa del perdono della figlia, messaggi nascosti sulle pagine dei libri, e una ragazza timida che un tempo è stata una bambina impaurita accucciata sotto un lavello.
Tutti questi “ingredienti” e molto altro fanno di questo libro un thriller avvincente e a tratti commovente.

Titolo: Mezzanotte alla libreria delle grandi idee (Midnight in the bright ideas bookstore)
Autore: Matthew Sullivan
Editore: Longanesi
Pagine: 356
Voto: 3/5
Link di affiliazione Amazon*: https://amzn.to/2Inx2UP

La trama

Lydia è una libraia che, con la sua dolcezza e capacità di ascolto, aiuta molti emarginati della società a sentirsi meno sbagliati e meno soli. La libreria dove lavora somiglia alla Tattered Cover Book Store, una famosa catena di librerie di Denver, Colorado. Nel romanzo prende il nome di Libreria delle grandi idee dal negozio che ha l’ha preceduta: uno stabilimento di lampadine (“Bright ideas”= idee brillanti).

Ogni giorno la libreria vede passare clienti fissi che spesso sono disperati e senzatetto affettuosamente soprannominati Book Frogs. Uno di loro si chiama Joey e sarà il coprotagonista di questa vicenda se pur non lo si sentirà mai parlare. Joey è un ragazzo solo che non sente di appartenere a nessuno

nessuno mi aspettava fuori dal cancello…mi hanno lasciato…libero…solo come sempre…spaventato e conscio che la vita sarà sempre…nessuno fuori dal cancello.

Un giorno decide di rimanere solo per sempre, si toglie la vita impiccandosi al secondo piano della libreria. Anche in quel momento sarà solo e anche in quel momento sarà Lydia ad occuparsi di lui. Trova il cadavere per prima e nel tentativo di sollevarlo per alleviare la tensione del filo fa scivolare dalla tasca di Joey una fotografia: una bambina che spegne dieci candeline su una torta, quella bambina era lei.

Lydia verrà così coinvolta nelle indagini dalla stessa vittima che le darà l’ulteriore e ingrato compito di farsi carico delle poche cose che possedeva. Quando Lydia va nell’appartamento di Joey scopre che questo ragazzo ha ancora molto da dire e lo fa tramite la cosa che più li accomuna: i libri.

Parole ritagliate e fascette della biblioteca sbagliate porteranno Lydia a indagare sul perché questo ragazzo si è suicidato e a riaprire vecchie ferite sepolte nei ricordi sfocati di lei da bambina.

La mia recensione

Le pagine scorrono veloci nel corso di una sola giornata, perché una volta iniziato a leggere questo romanzo si riposerà difficilmente sul comodino. Lo stile non permette al libro di raggiungere quel voto in più che la trama così ben articolata avrebbe permesso di avere.

Affiliazione Amazon

*Sono affiliata ad Amazon, dunque cliccando su https://amzn.to/2Inx2UP e acquistando (entro 24h) il libro di cui ti ho parlato percepirò una commissione per un massimo del 10%. Tu non avrai alcun costo aggiuntivo, ma Amazon, pagandomi in buoni spendibili sul suo stesso sito, mi darà l’opportunità di per comprare libri di cui potrò parlarti sul blog e sulla mia pagina Instagram.

Potrebbe piacerti anche...

Lascia un commento

* Usando questo form aderisci alle condizioni generali sulla privacy di questo blog. La tua privacy per noi è importante.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Utilizzando il sito accetti la nostra cookie policy, ma sei libero di eliminarli quando desideri. Accetto