Home Libri La ragazza dello Sputnik

La ragazza dello Sputnik

di Verdiana Quattrocchi

Quando non conosci un autore, buona regola vuole che tu legga il suo romanzo più famoso, ma se non sei sicuro ti possa piacere, allora scegli quello più corto, o ancora, scegli semplicemente la copertina o il titolo che più ti piace. Io ho preferito l’ultima opzione. Seguo un profilo Instagram che si chiama proprio “La ragazza dello Sputnik”, e ho pensato: toh guarda, compro questo anche solo per sapere “Chi” sia questa ragazza dal nome così particolare!

E fu così che uno dei cinque titoli comprati alla Mondadori con gli sconti Einaudi è stato questo.

Titolo: La ragazza dello Sputnik (Supūtoniku no koibito, “l’innamorato/a dello Sputnik“)
Autore: Haruki Murakami
Editore: Einaudi
Anno: 2013
Pagine: 216
Voto: 4/5
Link di affiliazione Amazon*: https://amzn.to/2KeO1h7

Nella primavera del suo ventiduesimo anno, Sumire si innamorò per la prima volta nella vita. Fu un amore travolgente come un tornado che avanza inarrestabile su una grande pianura. Spazzò via ogni cosa, trascinando in un vortice, lacerando e facendo a pezzi tutto ciò che trovò sulla strada, e dietro non si lasciò nulla.

La trama

Le protagoniste della vicenda sono due ragazze, la ventiduenne Sumire, «un’inguaribile romantica, testarda e cinica, completamente inesperta della vita e del mondo», amante della letteratura e della scrittura e Myu, più grande di lei di diciassette anni e sposata, che veste «sempre di un’eleganza straordinaria, indossando con disinvoltura accessori piccoli, ma costosi». Il racconto parla dell’amore «travolgente come un tornado che avanza inarrestabile su una grande pianura» che Sumire prova per Myu. Impariamo a conoscere queste due ragazze tramite un amico di Sumire, un maestro che insegna alle scuole elementari, e suo vecchio collega di università, del quale non si conosce il nome. Lui rappresenta Sumire un fedele confidente che può chiamare durante le sue notti insonni da una cabina telefonica, al quale scrivere lunghissime lettere-fiume in cui racconta ogni sua sensazione fino a farlo diventare un vero e proprio narratore onnisciente nonché co-protagonista.

Le descrizioni di Murakami ci accompagnano passo dopo passo verso i posti in cui la vicenda si snoda: Giappone, Francia, Italia e Grecia, tentativo già mirabilmente riuscito undici anni prima con Dance Dance Dance (1988). Non manca la suspance, se pur non si possa definire un romanzo giallo, in quanto ad un certo punto della vicenda non sarà più Sumire a parlare al nostro anonimo professore, ma Myu, che con una telefonata dalla Grecia lo invita a raggiungerla perché:

  1. A Sumire è successo qualcosa. Ma la stessa Myu non sa cosa le sia successo
  2. Lui deve andare lì il più presto possibile. Anche Sumire lo vorrebbe, pensa

La mia recensione

Murakami mi ha fatto amare Sumire così tanto che anche io avrei lasciato il lavoro per andare a cercala. In realtà le vicende potrebbero essere ridotte all’osso e l’interesse del lettore non ne risentirebbe. Il suo stile pregno di realismo magico e poetico è di difficile catalogazione. Riesce a portarti in una dimensione in cui è difficile distinguere la realtà dal sogno.

Cosa non mi ha fatto dare una stellina in più? Solo il finale. Secondo me, se pur non si possa definire un finale “aperto”, lascia troppi dubbi in sospeso e un po’ con l’amaro in bocca perché dall’altro capo del telefono non potrai ascoltare anche tu: “l’Odissea di Omero in pochissime parole”.

Ah già, ma alla fine, Chi è la ragazza dello Sputnik? Questo Murakami non lo lascia in sospeso, ma io si, d’altronde sono quattro stelle, il minimo che puoi fare è correre a leggerlo!

Affiliazione Amazon

*Sono affiliata ad Amazon, dunque cliccando su https://amzn.to/2KeO1h7 e acquistando (entro 24h) il libro di cui ti ho parlato percepirò una commissione per un massimo del 10%. Tu non avrai alcun costo aggiuntivo, ma Amazon, pagandomi in buoni spendibili sul suo stesso sito, mi darà l’opportunità di per comprare libri di cui potrò parlarti sul blog e sulla mia pagina Instagram.

2 commenti

Sconti Einaudi 2018 - i 5 libri che non mi sono fatta sfuggire! • Bully Books 9 Maggio 2018 - 11:10

[…] “La ragazza dello Sputnik” di Haruki Murakami […]

Reply
Recensione: Qualcuno volò sul nido del cuculo di di Ken Kesey · Bully Books 10 Ottobre 2018 - 16:06

[…] Quando presi questo libro in biblioteca non sapevo bene cosa aspettarmi, di certo ero curiosa di conoscere il perché di questo titolo così particolare, un po’ com’è successo con La ragazza dello Sputnik di Haruki Murakami (trovi la recensione qui). […]

Reply

Lascia un commento

* Usando questo form aderisci alle condizioni generali sulla privacy di questo blog. La tua privacy per noi è importante.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Utilizzando il sito accetti la nostra cookie policy, ma sei libero di eliminarli quando desideri. Accetto